Biografia

Lodato dal pubblico e dalla critica per la profondità delle sue interpretazioni e per la raffinatezza timbrica, Angelo Arciglione si è imposto all’attenzione internazionale in seguito ai numerosi riconoscimenti in importanti concorsi pianistici, tra cui: “San Marino” 2012, “San Antonio” (Usa) 2012, “Santa Fe” (Usa) 2011, “Hilton Head” (Usa) 2010, “Scriabin” di Grosseto 2010, “Premio Schumann” 2010, “Porrino” di Cagliari 2010, “Iturbi” di Valencia 2008, “Pozzoli” di Seregno 2005.

Si è esibito in prestigiose sale e stagioni concertistiche italiane ed estere, tra cui: Auditorium Parco della Musica di Roma, Festival dei 2 Mondi di Spoleto, Teatro Lirico di Cagliari, Accademia Filarmonica di Bologna, Auditorium San Barnaba di Brescia, I Concerti della Normale di Pisa, Teatro Orfeo di Taranto, Centro Studi Musicali F. Busoni, Teatro Verdi di Salerno, Festival Aosta Classica, Associazione Musicale Lucchese, Festival Dino Ciani, Accademia Musicale Chigiana, Miami International Piano Festival, Cleveland Play House in Usa, Gasteig e Steinway Haus di Monaco, Steinway Hall di Londra, Palau de la Musica di Valencia, Teatro Governador Pedro Ivo in Brasile, Shanghai Oriental Art Center in Cina, Concert Hall di Hamamatsu e Grand Hall di Sendai in Giappone, Unisa in Sudafrica.

Nel 2004 è stato invitato dal prestigioso Concorso di Composizione “2 agosto” ad eseguire, in prima assoluta, il “Movimento concertante In antiqua silva obscura...” di Eddy Serafini accompagnato dall’Orchestra Sinfonica dell'Emilia Romagna “Arturo Toscanini” in Piazza Maggiore a Bologna, evento trasmesso da Rai Radio3 e da Rai Tv. Nel 2006 ha preso parte all'esecuzione integrale dei Concerti per pianoforte e orchestra di Mozart accompagnato da un ensemble da camera dei Berliner Philharmoniker al Festival Opera Barga.

Si dedica con passione anche alla musica da camera. Ha collaborato con l’Ensemble Le Musiche di Simone Bernardini, con le cantanti Laura Polverelli e Raffaella Lupinacci e con le violiniste Alissa Margulis, Maria Kouznetsova, Anna Mazor, Silvia Mazzon e Caroline Loeffler nelle esecuzioni integrali del le Sonate per violino e pianoforte di Mozart (2006) e di Beethoven (2007) presso importanti istituzioni musicali.

Da diversi anni si occupa di ricerca, con particolare attenzione alla musica del Novecento. Nel 2013 ha vinto il 1° Premio al Concorso Internazionale di Musica Contemporanea “Mencherini” di Cagli. Ha riscoperto e inciso in prima assoluta mondiale composizioni inedite di Castelnuovo-Tedesco.

Angelo Arciglione ha studiato pianoforte con Angelo Guido presso il Conservatorio di Musica di Cosenza e successivamente con Maria Tipo presso la Scuola di Musica di Fiesole, approfondendo alcuni aspetti del repertorio pianistico con Elisso Virsaladze e del repertorio cameristico col Trio di Parma. L'incontro con la scuola di Maria Tipo è stato fondamentale per la sua crescita artistica, arricchita inoltre da diverse masterclass con Pietro De Maria, Boris Berezovsky, Alexander Lonquich, Boris Petrushansky, Boris Berman, Fou Ts’ong, Dmitri Bashkirov e Lilya Zilberstein. Ha conseguito il Diploma Accademico di II Livello in pianoforte presso il Conservatorio di Musica di Siena e il Diploma di perfezionamento pianistico presso l'Accademia Nazionale di Santa Cecilia in Roma sempre col massimo dei voti e la lode.

Vive a Firenze e affianca agli impegni concertistici un intenso lavoro in campo didattico. Ha insegnato presso i Conservatori di Musica di Siena, Salerno, La Spezia, Livorno, Modena. Attualmente è titolare di cattedra di pianoforte principale presso il Conservatorio di Musica di Sassari. Ha ricevuto il Premio per la Didattica in diversi concorsi di esecuzione musicale grazie ai successi ottenuti dai suoi allievi ed è spesso invitato a far parte della giuria in concorsi nazionali ed internazionali. Ha fondato in Calabria il Campus Musica Acri (sua città natale), di cui è direttore artistico dal 2013, dove tiene masterclass estive di pianoforte e musica da camera.